IC FALCONE E BORSELLINO

Eracle e le 12 fatiche

Print Friendly, PDF & Email


zoom sui particolari

 

Eracle era nato bello e forte come nessun altro perché era figlio di Zeus, il re degli dei,che si era innamorato di Alcmene. Il bambino veniva nutrito e protetto da  sua madre perché in molti non lo amavano. la nemica più pericolosa era  la moglie di Zeus Era che voleva vendicarsi del tradimento. Alcmene non lasciava mai il bambino da solo per proteggerlo da Era. Alcmene vedendolo forte e intelligente si allontanò dalla culla del figlio. Era se ne accorse, chiamò due serpenti e ordinò loro di ucciderlo.I rettili obbedirono ma non avevano fatto i conti con Eracle anche se era piccolo. 

Il bambino crebbe e divenne molto forte. Eracle viveva in montagna e i pastori un giorno gli chiesero aiuto;  un leone terrorizzava le greggi e Eracle lo ammazzò a mani nude. Per la sua impresa Eracle sposò Megara la principessa di Tebe.Gli dei gli regalarono diverse armi che servivano a proteggere se stesso e la sua famiglia.

Passarono gli anni e dal matrimonio nacquero tre figli. Era non aveva rinunciato però all’idea di fargli del male. Sapeva che contro  la forza e il coraggio di Eracle non avrebbe potuto far granché così decide di far ricorso alle sue arti magiche e agli incantesimi.

Eracle si disperò ma ormai non poteva riportare in vita i suoi figli e sua moglie.  Eracle fuggì da Tebe cercando rifugio nelle montagne e nei boschi; nulla però gli diede sollievo.

Nel momento in cui il giovane guerriero era più felice, Era lanciò contro di lui una maledizione. “Non riconoscerai più coloro che ami! Vedrai tua moglie e la odierai. vedrai i tuoi figli e sarai convinto che ti vogliono morto. Prenderai la spada e ucciderai Megara. Getterai i tuoi figli nel fuoco. Eracle compì una strage.

Non sapendo più cosa fare andò nel tempio dell’oracolo di Delfi per conoscere il volere degli dei. la sacerdotessa gli rivelò tutto. Eracle si presentò alla corte e il re gli disse che se avesse affrontato le 12  terribili fatiche sarebbe stato ripagato con l’immortalità.

                                                                                                                                                                                                                                                                  Scuola primaria Villa S. Antonio classe 5^

                                                                       torna alla prima pagina